La carta ecologica che nasce dagli scarti alimentari

Tante volte in tipografia ci siamo occupati della stampa di brochure, cataloghi, volantini, pieghevoli per aziende del settore alimentare. È chiaro come la stampa delle immagini di cibo su carta deve saper rendere onore alla bontà di quanto rappresentato. Fotografie professionali, unite alla scelta dei giusti supporti di stampa, carta e inchiostri in primis, saranno in grado di trasmettere tutto il gusto e la qualità dei prodotti alimentari. E se a questo si aggiungesse un pizzico di originalità in più, rendendo il cibo stesso il nostro supporto della stampa?

Avete mai sentito parlare di carta prodotta da scarti alimentari? In pieno trend ecologico, il recupero dello scarto diventa protagonista anche nel settore della cartotecnica.
A realizzare il connubio tra cibo e carta è la storica cartiera Favini, che con Crush ha dato vita a una gamma di carte ecologiche prodotte dai residui dell’industria agro-alimentare.
favini crush

Gli scarti di frutta come agrumi, uva, ciliegie,kiwi, o ancora legumi, lavanda, mais, olive, caffè, nocciole e mandorle, costituiscono le materie prime 100% naturali che vengono riutilizzate per la produzione della carta.

mandorle

Un processo 100% green

Ma qual è l’impatto positivo che questo processo di produzione ha sull’ambiente? L’utilizzo degli scarti permette di risparmiare il 15% di cellulosa proveniente da un albero e di ridurre del 20% le emissioni di gas serra (carbon footprint). L’intero ciclo produttivo utilizza il 100% di energia verde da fonti rinnovabili.

La carta prodotta dal cibo

Il risultato è una carta dalle note tattili e visive inconfondibili. Di una colorazione che richiama la sua materia prima, la carta Crush mantiene non solo le sfumature ma anche i segni del prodotto a partire dal quale viene realizzata.

campioni favini crush

Perfetta per stampare qualsiasi prodotto tipografico, come libri, brochure, opuscoli, etichette, scegliere di stampare su carta ecologica prodotta da scarti alimentari è da un lato il risultato di un impegno per la salvaguardia dell’ambiente, ma non è da sottovalutare l’aspetto puramente creativo.

Perché non stampare l’etichetta di una bottiglia di vino con carta prodotta da scarti d’uva? Molte aziende dell’industria alimentare hanno realizzato progetti esclusivi, utilizzando carte prodotte da scarti.

Crush Uva

Dalla collaborazione con la una casa editrice di Siracusa ed una nota industria siciliana di caffè, abbiamo prodotto nel nostro stabilimento un libro sulla storia del caffè stampato su carta Favini Crush realizzata anche con scarti proprio dell’industria siciliana (ne abbiamo parlato qui).

chicchi di caffè
Seguici su LinkedIn

Your email address will not be published. Required fields are marked *